Clementine di Calabria IGP

Un prodotto simbolo dell'ortofrutta calabrese

Le Clementine, sono ormai diventate un must della produzione ortofrutticola calabrese. E si possono considerare un vero e proprio oro giallo di Calabria. Questi frutti dal gusto amabile, il cui nome scientifico è Citrus x Clementina, si ottengono dall’ibridazione di un mandarino avana e di un arancio amaro. E si pensa che la pianta sia nata per puro caso da un innesto fatto nel 1898 da padre Clément Rodier. E’ stata ntrodotta in Europa all’inizio del XX secolo, si è poi diffusa in Calabria, per errore, insieme a piantine di arance, nei primi anni del 1920 e la coltivazione si è diffusa tra il 1930 ed il 1950, e proprio in Calabria nella piana di Sibari e in quella di Gioia Tauro questo agrume ha trovato il suo habitat ideale. Qui, infatti, le condizioni bio-pedo-climatiche hanno consentito la produzione di prodotti di qualità, che sono diventati volano di sviluppo socio-economico per l’intero comprensorio.

Oggi la Piana di Sibari, nel panorama agrumicolo regionale ed italiano è certamente il maggiore produttore di Clementine. Nel 2007 l’Onafruit, organizzazione nazionale assaggiatori di frutta, ha consacrato l’agrume prodotto in Calabria, per le sue qualità organolettiche al primo posto tra i prodotti del bacino Mediterraneo. Grazie all’elevato contenuto di vitamina C, è sufficiente consumare uno o due frutti per coprire il fabbisogno giornaliero di una persona adulta.

Che dire, in un piccolo frutto tante qualità salutari e la piena rappresentazione dell’essenza della Calabria.

 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close